90 voci per Anne Frank, il comunicato stampa 01

L’idea: fare Memoria di Anne Frank con il reading completo del Diario nel giorno del suo compleanno

Annelies Marie Frank detta Anne, simbolo assoluto della Shoah che ha segnato un’epoca attraverso il suo Diario, era nata a Francoforte sul Meno il 12 giugno 1929. Il prossimo 12 giugno 2019 compirebbe 90 anni. Anne Frank verrà ricordata attraverso un evento-maratona: la lettura integrale e pubblica del Diario in un luogo suggestivo e simbolico insieme: Campo di Ghetto Nuovo a Venezia.
L’evento, progettato dallo scrittore Matteo Corradini e organizzato insieme a Consiglio d’Europa Ufficio di Venezia, Associazione Figli della Shoah, Museo Ebraico e Comunità Ebraica di Venezia, Università Ca’ Foscari, con il supporto di Rizzoli Editore, si pone come finalità la Memoria della figura e della vicenda di Anne Frank attraverso l’ascolto delle sue parole, dei suoi pensieri, dei suoi desideri sul futuro. È un evento pubblico e gratuito, aperto a tutti e in particolare ai giovani.
In Campo di Ghetto Nuovo a Venezia verrà predisposto uno spazio lettura, dove si alterneranno i lettori: l’intero campo diverrà un luogo di ascolto e racconto.

12 giugno 2019: la giornata a Venezia

Nell’arco di un’unica giornata verrà letto l’intero testo del Diario di Anne Frank. La lettura completa e continuativa del Diario occuperà circa 10 ore.
L’evento inizia alle ore 10 con i saluti degli organizzatori e delle istituzioni. Dalle ore 10.30 comincerà la lettura con la celebre prima pagina del Diario: «Spero che potrò confidarti tutto, come non ho mai potuto fare con nessuno, e spero mi sarai di gran sostegno».
La lettura non vedrà pause o interruzioni fino alla conclusione, prevista tra le ore 20 e le 21.
L’evento verrà trasmesso per intero in diretta web.

I lettori volontari

90 lettori volontari leggeranno le 483 pagine del Diario, dandosi il cambio ogni 5-6 pagine. 90 lettori come 90 sono gli anni che compirebbe Anne Frank se non fosse stata uccisa in un lager nazista. «È come se ogni lettore fosse la candelina di un compleanno che non potremo mai festeggiare. Esattamente come le candeline sulla torta, ogni lettore rappresenta un desiderio, un sogno, la voglia di avere presto un futuro felice», dice Matteo Corradini.
Saranno lettori di tutte le età e di tutte le provenienze, ragazzi e ragazze, studenti universitari, semplici cittadini e persone più celebri, testimoni e studiosi della Shoah, rappresentanti della cultura, dell’arte, dello sport, delle istituzioni, del volontariato… Nessuno terrà discorsi, ma tutti si metteranno al servizio di Anne Frank, donando la propria voce e il proprio tempo al Diario.

Attraverso il form online, a chiunque sarà possibile dare la propria disponibilità per un turno di lettura. Basterà collegarsi al sito www.annefrank.it.

Il senso dell’evento 

La Memoria di Anne Frank serve a dare un valore e un senso più profondi e concreti a un emblema universale. Talmente celebre da essere presa come bersaglio da razzisti e antisemiti nel mondo, la piccola Anne Frank parla ancora oggi a milioni di persone con la sua umanità e i suoi pensieri forti, duri, sognanti, pieni di angoscia e insieme di resistenza.
Rendere più solida la sua figura agli occhi di tante persone che la conoscono superficialmente significa anzitutto permettere a tanti di mettersi in ascolto dei suoi scritti, e in particolare del Diario.
Ricordare Anne Frank non vuol dire ricordare una celebrità. Ma significa ricordare un episodio fondamentale della Shoah per ricordare l’intera Shoah. Anne Frank ci abitua a vedere ogni vittima come unica, ci abitua a considerare le storie come cose preziose, aiuta a promuovere la cultura del rispetto e della tolleranza.

Il libro di riferimento 

Anne Frank, Diario. A cura di Matteo Corradini, traduzione di Dafna Fiano (BUR Biblioteca Universale Rizzoli – Ragazzi).

Un documento dal valore storico incomparabile in una nuova edizione filologicamente accurata, che accosta approfondimenti inediti a una nuova traduzione dall’olandese. Simbolo della Shoah, il diario di Anne Frank è una luce nel buio della storia e ancora oggi illumina la vita di milioni di persone. Questa nuova versione, che riporta il testo alla sua primaria lucentezza, è frutto di una scrupolosa ricerca filologica, lessicale e letteraria condotta dal curatore Matteo Corradini direttamente sulla stesura originaria di Anne, liberata da interventi e tagli operati dopo la scomparsa della giovane autrice. I numerosi approfondimenti finora inediti, la preziosa traduzione dall’olandese di Dafna Fiano, offrono a questa edizione autorevolezza, forza e una ritrovata freschezza. Da queste pagine la voce di Anne parla ai contemporanei schietta e cristallina come non mai, riaccende la memoria e la prolunga nel presente.